Centro per la Prevenzione dei Rischi

La gestione della responsabilità penale per omicidio colposo e lesioni colpose per il Datore di Lavoro e i suoi delegati.

* € 280 + iva entro il 24 maggio 2018 - € 350 + iva dopo il 24 maggio 2018

(Valido come aggiornamento RSPP/ASPP e per i Coordinatori Sicurezza CSP/CSE)

ARTICOLAZIONE DEL CORSO
Durata del corso: 8 ore
Data:  7 giugno 2018
Sede: CEPER - Via Caldera 21 - Milano

PRESENTAZIONE DEL CORSO
Un corso per affrontare ad alto livello e a tutto tondo il rischio penale d’impresa per l’infortunio o la malattia del lavoratore per fornire strumenti per interpretare i meccanismi investigativi e giudiziari che portano ad individuare i responsabili all’interno dell’organizzazione e all’accertamento del loro effettivo coinvolgimento attivo o passivo nella causa dell’evento. Il corso si prefigge inoltre di offrire una ampia panoramica delle opzioni difensive a breve, medio e lungo periodo.

PROGRAMMA

PARTE PRIMA -  L’ACCERTAMENTO DELLE CAUSE DELL’OMICIDIO O DELLE LESIONI COLPOSE
1. Le peculiarità del delitto di omicidio volontario e colposo.
2. Le peculiarità del delitto di lesioni personali semplici e aggravate.
3. L’accertamento giudiziario del nesso di causa tra gli infortuni sul lavoro e le azione di prevenzione omesse.
4. La prescrizione della ASL (per estinguere la contravvenzione al TUS) come strumento di
     individuazione del nesso di causa
5. Il nesso di causa nelle malattie professionali.

PARTE SECONDA L’INDIVIDUAZIONE DEL RESPONSABILE DELL’EVENTO INFORTUNISTICO DENTRO E FUORI L’AZIENDA
1. Il sistema processuale penale e le tecniche di attribuzione del la responsabilità penale all’interno 
    delle organizzazioni aziendali complesse
2. Il giudizio di responsabilità del CDA
3. Il giudizio di responsabilità del datore di lavoro e del suo delegato.
4. Il giudizio di responsabilità dell’ufficio acquisti
5. Il giudizio di responsabilità del dirigente senza delega di funzioni datoriali
6. Il giudizio di responsabilità del medico competente
7. Il giudizio di responsabilità dell’RSPP
8. Il giudizio di responsabilità del preposto
9. Il giudizio di responsabilità della capogruppo nella responsabilità della controllata.
10. L’ATTRIBUZIONE DI RESPONSABILITA’ NEI LAVORI IN APPALTO:
          a) La responsabilità per l’infortunio in appalto e la distinzione tra rischi preesistenti, specifici del
               committente, specifici dell’appaltatore, ovvero interferenti.
          b) La responsabilità del datore di lavoro committente e l’art. 26 TUSL
          c) La responsabilità del delegato del datore di lavoro committente.
          d) La responsabilità dell’incaricato per il coordinamento mediante DUVRI
          e) L’affidamento in cantiere, dall’art. 26 al titolo IV D.Lgs 81/2008 focus sulle criticità.
          f) La responsabilità del committente e del responsabile dei lavori
          g) La responsabilità del coordinatore per la progettazione
          h) La responsabilità del coordinatore per la esecuzione dei lavori
          i) Il ruolo del direttore lavori e la sua responsabilità.
          j) La responsabilità dell’impresa esecutrice  
          k) La responsabilità dell’impresa affidataria

PARTE TERZA  – L’ACCERTAMENTO DELLA COLPA E DEL DOLO NEGLI INFORTUNI E NELLE TECNOPATIE  
1. Il dolo e la condotta intenzionale, anche eventuale.
2. La colpa e la condotta non intenzionale ma negligente, imprudente o non tecnica.
3. La colpa e la condotta che viola una norma di sicurezza e l’art. 2049 c.c.
4. La colpa aggravata dalla previsione dell’evento.
5. Le Sezioni Unite Cassazione e la sentenza sul dolo e colpa negli infortuni del dopo Thyssen.
6. L’individuazione del responsabile all’interno dell’organizzazione aziendale (cenni al protocollo
     investigativo tipico utilizzato nelle indagini della ASL)
7. Il concorso di colpa orizzontale (tra committente e appaltatore ad es.)
8. Il concorso di colpa verticale (tra datore di lavoro, dirigente e preposto, ad es.)
9. Il concorso di colpa del fatto colposo del lavoratore e Cass. Pen, Sez. 4, 02 febbraio 2015, n. 4890
     – che stabilisce il comportamento della vittima come "evidente causa interruttiva del nesso di 10.
     causalità e assolve il datore.
11. L’efficacia esimente della delega e sub delega di funzioni (art. 16 TUS).

PARTE QUARTA - L’ESTINZIONE DEL REATO PER OBLAZIONE E LA NON PUNIBILITA’ PER FATTI PARTICOLARMENTE TENUI
1. L’oblazione delle contravvenzioni penali punite con la sola ammenda.
2. L’oblazione delle contravvenzioni penali punite con ammenda alternativa all’arresto.
3. Prescrizioni ASL e ammissione all’oblazione per contravvenzioni SSL.
4. La gestione delle prescrizioni ASL in caso d’infortunio sul lavoro.
5. La non punibilità delle violazioni di sicurezza quando particolarmente tenui

PARTE QUINTA – LA DIFESA DAL PROCESSO E NEL PROCESSO (CASISTICHE GIUDIZIARIE E CONSIGLI PER DIFENDERSI)
1. Le strategie difensive applicabili in caso di infortunio grave in sede di prime misure di 
    miglioramento e segnalazioni interne aziendali.
2. La strategia durante le indagini, la collaborazione con gli inquirenti e la ASL e l’accettazione delle
    prescrizioni.
3. Il nuovo delitto di ostacolo all’attività investigativa e la tutela dei diritti difensivi dell’azienda.
4. La contro indagine aziendale per l’individuazione delle cause dell’incidente e dei responsabili
     interni
5. La chiusura delle indagini preliminari e le strategie difensive in questa fase
6. Il problema della definizione anticipata del risarcimento del danno all’infortunato.
7. Il decreto penale di condanna e la sua impugnazione
8. Il processo per rito abbreviato ovvero dibattimentale
9. La sospensione del processo e l’affidamento in prova al servizio sociale
10. Il ricorso al consulente tecnico nel processo.
11. Le conseguenze in caso di condanna.

DOCENTE
Avv. Luca Cordovana, Penalista del Foro di Milano

Sono previsti sconti per iscrizioni multiple effettuate contemporaneamente, anche a corsi diversi o più partecipanti per azienda:
   - 2 iscrizioni = sconto 10%
   - 3 iscrizioni = sconto 15%
   - 4 iscrizioni = sconto 17%
   - 5 iscrizioni = sconto 20%

Per numeri superiori contattare la segreteria Ceper

Richiesta iscrizione al corso



Dichiaro di essere:
RSPP/ASPP
CSP/CSE


Dichiaro di aver letto e compreso il contenuto dell’Informativa Privacy e accetto il trattamento dei miei dati.



Presto il consenso per l’invio della newsletter e/o per l’iscrizione alle iniziative proposte nel sito.


Dichiaro di aver preso visione di tutte le informazioni, specie di quelle relative alla quota di iscrizione e alle disdette e al fatto che l’attestato sarà rilasciato solo se la frequenza non è stata inferiore al 90% delle ore complessive del corso ed a seguito del superamento della verifica finale prevista.