Centro per la Prevenzione dei Rischi

Formazione ai Formatori per la Sicurezza

PRESENTAZIONE DEL CORSO
Le norme di sicurezza vigenti nel nostro paese hanno affidato, a partire dal D.Lgs. 626/94, un ruolo centrale alla formazione per la sicurezza sul lavoro, tanto che il D. Lgs. 81/08 ne ha ampliato la portata.
Questo perché nella dinamica del sistema uomo-macchina-ambiente la componente umana ne determina il buon funzionamento.
Pertanto, occorre puntare sul miglioramento delle conoscenze e sulla modifica degli atteggiamenti favorevoli alla sicurezza sul lavoro, attraverso l’informazione, l’addestramento e la formazione.
Ma, se si vuole che la formazione non sia semplicemente un rito da celebrare per ottemperare ad un obbligo giuridico, occorre che venga realizzata secondo criteri e metodi che ne valorizzino l’efficacia e che incidano sui comportamenti dei lavoratori e non sul semplice apprendimento di norme e procedure.
Il corso si prefigge lo scopo di mettere in condizione coloro che devono realizzare l’attività formativa di conoscere le regole, gli strumenti e i metodi più efficaci per raggiungere l’obiettivo di modificare atteggiamenti e sviluppare comportamenti sicuri.

PROGRAMMA
1. Formazione e sicurezza sul lavoro
• Come cambia la formazione alla sicurezza:
- dalla formazione “direttiva” alla formazione “partecipata”
   - dai decreti degli anni ’50 all’Accordo Stato Regioni.Sicurezza e formazione
• Comportamento sul lavoro e sicurezza
• Le condizioni di efficacia della formazione alla sicurezza.
• La formazione in generale.
• I problemi dell’apprendimento degli adulti
• Le tecniche e i metodi della formazione:
   - il metodo espositivo
   - il metodo esperienziale
   - la teoria di apprendimento di Kolb

2. Fasi della formazione
a. Analisi dei bisogni formativi:
   • Analisi dei bisogni dell’organizzazione
   • Analisi dei bisogni di formazione dei destinatari
   • La valutazione dei rischi e l’analisi delle mansioni come strumento privilegiato
  per l’analisi dei bisogni formativi.

b. Progettazione della formazione:
   • Macroprogettazione: fasi operative
   • Microprogettazione:
 - progettazione delle unità didattiche
 - produzione della documentazione

c. Progettare una lezione:
   • scelta dei contenuti
   • riflessione sui destinatari per tarare l’intervento
   • stesura della scaletta
   • produzione dei supporti visivi.

d. Realizzazione della formazione:
   • La comunicazione relazionale
   • Il processo di comunicazione in aula:
 - comunicazione verbale
 - comunicazione non verbale.
   • L’interazione tra docente e allievi:
 - uso di domande
 - svolgimento di esercizi
 - discussioni di gruppo
 - esercitazioni

e. Organizzazione e logistica:
   - aula
   - materiale didattico
   - sussidi audiovisivi: cenni sui moderni sistemi multimediali per la formazione
   - partecipanti
   - kit di lavoro.

3. Valutazione della formazione
• Definizioni e concetti.
• Che cosa valutare
• Aspetti tecnici e metodologici

4. Simulazioni e role playing con videoriprese

Tutta l’attività sarà resa estremamente pratica attraverso esercitazioni e lavori di gruppo.

Richiesta di informazione

Dichiaro di aver letto e compreso il contenuto dell’Informativa Privacy e accetto il trattamento dei miei dati.



Presto il consenso per l’invio della newsletter e/o per l’iscrizione alle iniziative proposte nel sito.